Newsletter e PMI: promuoversi utilizzando l’email marketing

newsletter per PMIQuello delle newsletter è indubbiamente uno dei canali di promozione più utilizzati nel corso degli ultimi anni. In particolare le PMI adoperano tale sistema per fare in modo che un brand possa allargare la propria rete di potenziali clienti o rafforzare il rapporto con clienti acquisiti. La newsletter è un ottimo canale che può avere molteplici funzioni:

 

  • Incrementare il valore medio del carrello su un e-commerce potenziando le visite di utenza in target
  • Portare traffico sul sito web
  • Aggiornare i propri clienti ed informarli
  • Promuovere i prodotti o i servizi dell’azienda
  • Fare customer care e dare informazioni utili
  • Acquisire nuovi clienti (incentivando la registrazione alla newsletter aziendale attraverso altre forme di web marketing: es. Lead su Facebook, native advertising ecc)

La newsletter (come l’email marketing) è una potente leva nel web marketing per le PMI!

L’importanza della newsletter per una PMI

Al giorno d’oggi, per una qualsiasi piccola o media impresa, la scelta della giusta campagna di marketing può risultare fondamentale.

È preferibile che venga adottata una formula di promozione a basso costo, capace di rendere tale azienda più appetibile per un ampio target. Ed è così che sempre più realtà scelgono di affidarsi alla tecnica della newsletter.

L’iscrizione a quest’ultima costituisce un procedimento molto semplice e rapido e può giovare all’intera PMI.

Come far crescere il numero di iscritti ad una newsletter

Cosa bisogna fare per rendere una newsletter appetibile per molta gente?

Prima di tutto, va collegata direttamente al relativo blog della propria azienda, con la possibilità di valorizzare contenuti già virali e ampliarne i contenuti.

Molto importante è anche la cosiddetta landing page, cioè la pagina visualizzare dall’utente dopo un determinato clic.

I nuovi abbonati dovrebbero essere fidelizzati con la fruizione di contenuti extra rispetto agli utenti semplici, così come la call to action deve essere chiara e diretta. Inoltre, le promozioni speciali su determinati prodotti possono davvero fare la differenza tra una campagna di successo ed una come tante altre.
Oppure REGALA un contenuto di valore solo agli iscritti della tua newsletter (un ebook) o incentiva l’iscrizione con forme di promozione. Oppure puoi fare pubblicità mirata alla raccolta di mail su altri canali, diversi dal tuo sito internet (pensa ad esempio a Facebook).

Integrare una newsletter con un gestionale e il CRM

Un altro metodo per rendere una newsletter ancora più performante riguarda la sua integrazione con il proprio gestionale.

Non si tratta di un’operazione accessibile a tutti ed è necessario possedere almeno una minima competenza sull’argomento.

Tuttavia, affidarsi a tali dati può essere la scelta perfetta. In particolare, affidarsi ai dati contenuti nel CRM consente la piena conoscenza del bacino d’utenza che si ha intenzione di coinvolgere.

Dalla storia del cliente ai suoi bisogni, dal tipo di acquisti effettuati al livello di relazione, ciascun fattore può contribuire all’invio della newsletter giusta, magari differenziandola di utente in utente. Per tali motivazioni, integrare al meglio i due elementi è davvero molto importante.

Ricordati sempre di SEGMENTARE le tue liste, è inutile avere un “buglione” di indirizzi mail, meglio segmentarli sulla base delle tue esigenze esempio (immagina questi esempi sulla tua specifica realtà di PMI artigianale):

  • Area geografica (divido gli indirizzi della mia newsletter per città o regione)
  • Tipologia di acquisti (se la tua azienda ha un ecommerce potresti utilizzare la newsletter per traghettare clienti sul tuo e-commerce, un buon modo di fare mail marketing è quello di dividere le liste dei tuoi iscritti sulla base delle abitudini di acquisto)
  • Interessi (non tuti i tuoi clienti possono essere interessati alle stesse cose, valuta di dividere gli iscritti e richiedere l’iscrizione alla newsletter della tua PMI sulla base delle scelte dei tuoi utenti, dei loro interessi)
  • Commerciale di riferimento (se la tua azienda ha una rete di vendita potresti segmentare a seconda del responsabile commerciale che segue quel cliente, ricordati sempre di parlare al cliente direttamente, fallo sentire speciale)

Alcune offerte che una PMI dovrebbe garantire al proprio target

Una delle tecniche principali con le quali una PMI può allargare la propria rete è sicuramente costituita da una serie di promozioni ed offerte molto vantaggiose. Ad esempio, l’invio di un messaggio di auguri può garantire il giusto clima di giovialità e fiducia reciproca tra venditore e potenziale acquirente.

Chi vuole può adottare la tecnica dei buoni sconto, magari da sbloccare al raggiungimento di una determinata cifra spesa presso la propria azienda. Una buona newsletter può anche comprendere notizie tratte direttamente dal blog del marchio e in grado di descrivere al meglio il settore nel quale opera, così come delle guide per facilitare la propria vita quotidiana.

Le opportunità non mancano, basta saper attivare le tecniche giuste per una PMI capace di garantire grandi soddisfazioni.

Quali piattaforme deve usare una piccola e media impresa per l’invio della newsletter

Le piattaforme per l’invio di una newsletter adatta ad una PMI sono TANTISSIME alcune possono essere integrate direttamente dentro i cms (wordpress ad esempio ha un plugin gratuito come MailPoet che per piccolissime realtà può essere sufficiente). Ci sono poi piattaforme molto, molto performanti, te ne suggeriamo tre in questo post, valutale:

  1. MailChimp
  2. MailUP
  3. GetResponse

Ricordati, ogni utente della rete ha almeno 1 casella mail!!!

Non sprecare l’occasione di entrare in contatto con facilità e a prezzi contenuti, utilizza la newsletter come strumento di comunicazione aziendale curandone sempre al massimo: contenuti e grafica!

Articoli correlati

Newsletter e pmi l’importanza di questo canale di promozione